La penna di Anne Frank

Diari: voci di libertà e di resistenza
12-14 anni

Scrivere per resistere: è questa l’urgenza che induce tanti adolescenti in tempo di guerra – da Anne Frank a David Rubinowicz, da Ana Novac a Thura al-Windawi – a impugnare la penna per confrontarsi con un mondo capovolto. Recuperando così, attraverso la scrittura, la possibilità di misurarsi con quella dimensione umana che il mondo sembra negare, con il male che irrompe su di loro e dentro di loro, con la speranza irrinunciabile nel futuro, la forza delle loro passioni, i conflitti tipici della loro età, il segreto della crescita.
Pagine che consentono ai giovani autori di esprimere il proprio dolore e di darvi un senso, scritte con grande profondità di pensiero, con la saggezza e l’humour di cui spesso gli adolescenti sono capaci. E che sopravvivono ai loro autori, consegnandoci le loro voci e la responsabilità della testimonianza.
Voci di libertà e di resistenza, da condividere con i ragazzi e le ragazze di oggi attraverso un percorso di lettura che si snoda attraverso pagine di diari e di memorie per non dimenticare.

Potrebbero interessarti